Settembre è arrivato e mi ha (s)travolta

autumn The Library of Congress

Settembre mi ha (s)travolto.

Tra il rientro in pianta stabile a Milano, l’inserimento al nuovo nido, il lavoro, la nuova casa (eh già, c’è un trasloco nel nostro futuro), dei colloqui che mi è capitato di fare (e che siccome Milano è Milano tra andare, colloquio e tornare ogni volta mi sono partite tre ore) ho faticato davvero a tenere insieme i pezzi.
Aggiungiamoci poi che girovaga sono sempre, pure controvoglia, e quindi i weekend erano già pieni di impegni (belli) ad almeno 80 km da casa… Be’, ecco, sono un po’ cotta, mettiamola così.

Ma ora stiamo per tornare alla routine. Già, perché il periodo di inserimento volge al termine. Delle tre (dico tre) settimane previste, Balù ha deciso di scontarne una. Venerdì scorso, ultimo giorno della seconda settimana, si è addormentato spontaneamente al nido dopo pranzo. L’avevo detto io alla maestra, già una settimana prima, che per lui il binomio pranzo-nanna è indissolubile perfino da prima di andare al “vecchio” asilo. Ma niente, non è servito: venerdì me l’hanno svegliato e l’hanno consegnato, intontito dal sonno, a Daddy B che era andato a prenderlo. (A discolpa della maestra posso dire però che proprio il giorno in cui l’avevo informata del legame pranzo-nanna Balù si era messo a piangere così tanto, ma così tanto, che mi aveva chiamata per terminare precipitosamente il distacco. E potete immaginarvi come mi ero sentita, io madre snaturata che invece che lasciare suo figlio all’asilo che già conosce lo iscrive a uno nuovo, io madre degenere che si aspettava che l’inserimento sarebbe filato liscio come l’olio perché il nido Balù già sapeva cos’era… insomma, ci siamo capiti).

Comunque, se tutto va come deve, questa è l’ultima settimana fuori controllo. Non so se me la racconto per resistere fino a domenica sera (anche questo weekend siamo via) o se sarà davvero così, ma spero la seconda. E ora mi rimetto al lavoro, perché in qualche momento della giornata dovrò pure lavorare, con la spiacevole sensazione che a fare troppe cose finisce che non te ne viene bene neanche una.

Annunci

One thought on “Settembre è arrivato e mi ha (s)travolta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...